Skip to content

Rocca di Manerba
Riserva naturale-Parco lacuale
Museo archeologico


Pagina articoli sul Rocca di Manerba

manerba


La riserva

La Riserva Naturale Orientata della Rocca e del Sasso: uno scrigno prezioso di specie endemiche, un museo a cielo aperto che racconta il paesaggio, la natura e la storia di un territorio unico. La perla della Rocca di Manerba, riferimento inconfondibile del profilo del Lago di Garda, ora ha un sostegno in più per rimanere fedele alla propria identità nei tempi a venire.
Un passo in più che va verso la preservazione, lo studio e la divulgazione di una biodiversità unica, ma rappresenta soprattutto una fondamentale risorsa territoriale per l’accoglienza dei turisti al pari delle più note bellezze d’Italia. Sull’area del Parco locale di interesse sovracomunale si innesta ora la Riserva naturale della Rocca e del Sasso di Manerba del Garda, un livello di tutela corrispondente a quello di aree marine famose e protette come le Cinque Terre. Per custodire l’ecosistema dall’intervento dell’uomo sono state introdotte limitazioni ad attività quali edilizia, caccia, circolazione di veicoli a motore e azioni che possano intaccare la flora, la fauna ed il suolo. Questi obblighi sono finalizzati allo studio e monitoraggio delle specie endemiche, i cui risultati saranno divulgati per arricchire la ricerca scientifica ed espandere la conoscenza dell’ambiente del Lago di Garda anche in ambito didattico. Il patrimonio botanico e faunistico si integra quindi con la prosecuzione del percorso archeologico, che testimonia la presenza umana sin dal Mesolitico, del Museo Civico Archeologico della Valtenesi e dei resti della Rocca medievale che dà il nome a questo luogo unico.


mail: Riserva Naturale della Rocca, del Sasso e Parco Lacuale di Manerba del Garda
Tel. +39 0365 65 98 42 (Orari: martedì, mercoledì, venerdì dalle 8.00 alle 13.00)


Il Museo

L’edificio, frutto del riadattamento di una costruzione preesistente con l’aggiunta di un nuovo corpo di fabbrica, sorge in posizione “strategica” lungo la salita che conduce alla sommità della Rocca.
La struttura è caratterizzata, sul lato ovest rivolto verso il lago e la campagna circostante, da un’ampia vetrata che, oltre a essere sorgente di grande luminosità per gli interni, enfatizza lo stretto collegamento del complesso con il paesaggio circostante.
All’interno il percorso espositivo si sviluppa su due livelli e intende valorizzare contestualmente le realtà archeologiche e gli aspetti paesaggistici e naturalistici del territorio di Manerba, sottolineando come la Riserva Naturale della Rocca sia di fatto il vero “Museo”.


Il Parco Archeologico

Al piano terra il percorso archeologico, con pannelli esplicativi e didattici bilingui (in Italiano e Inglese) e una scelta di reperti esposti all’interno di vetrine, illustra i contesti insediativi indagati nel territorio di Manerba del Garda: il sito pluristratificato della Rocca e del Sasso; quello della Pieve di Santa Maria e quello di località S. Sivino, sulle rive del lago, con resti di un abitato palafitticolo dell’Età del Bronzo che fa parte del patrimonio mondiale UNESCO.
Nell’esposizione sono mostrati al pubblico reperti provenienti da ricerche di superficie e da scavi stratigrafici condotti nelle località Sasso e Riparo Valtenesi, Rocca, Pieve e San Sivino. Parte di questi manufatti divennero poi parte integrante dell’allestimento del Museo Civico Archeologico della Valtenesi, prima presso locali vicino alla Pieve di Santa Maria e poi nella sede di piazza Simonati. Il criterio seguito nell’allestimento del percorso espositivo è topografico, cioè per contesti insediativi circoscritti, all’interno di ciascuno dei quali si sono seguite, dal periodo più antico al più recente, le diverse vicende che hanno interessato ciascun sito.
Si sono creati, così, quattro nuclei principali, aventi lo scopo di fornire un quadro dell’insediamento umano nella zona, sempre passibile di ulteriori approfondimenti e variazioni.


mail: Museo Civico Archeologico della Valtenesi
Tel. +39 339 61 37 247 (Orari: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30)


Il Parco Lacuale

Il Parco Lacuale di Manerba del Garda: il primo intervento in Italia per lo studio, la valorizzazione e la protezione dell’ambiente lacustre e della fauna ittica del grande lago. Un’area di salvaguardia rarissima in Europa ed unica in Italia, che estende all’ambiente lacustre la protezione tipica delle aree costiere per preservare sia la biodiversità dell’elemento acquatico che di quello terrestre.
Il Parco Lacuale di Manerba del Garda comprende 84,8 ettari di specchio d’acqua affiancati ai 116,2 ettari di territorio costiero. Il versante terrestre comprende la Riserva naturalistica orientata della Rocca e del Sasso, le pareti del Monte Re e le aree agricole tra Montinelle e San Giorgio. Le acque protette sono invece comprese fra Porto Dusano e Pisenze dove misure meno stringenti di quelle terrestri sono previste per consentire il censimento della popolazione di specie ittiche presenti. Nel versante lacustre del parco è consentito avvicinarsi alla costa solo ed esclusivamente con imbarcazioni a vela e remi. La pesca è vietata ad eccezione di quella professionale, proibita totalmente nella Zona A di riserva integrale aperta solo ad accessi autorizzati. In questo modo la consistenza ittica viene mantenuta e monitorata lasciando intatto un sito di forte attrazione per le immersioni subacquee. Come per la Riserva terrestre, anche la protezione dell’ambiente lacustre è volta allo studio ed alla divulgazione scientifica per tramandare, non solo l’ecosistema, ma anche la sua conoscenza alle generazioni future.


mail: Parco lacuale
Tel. +39 0365 65 98 42


Indirizzo


Via Rocca 20
25080 Manerba del Garda (Bs)


Sito Rocca di Manerba del Garda


manerba

Parco Archeologico Naturalistico della Rocca di Manerba
Scarica il PDF

>>>Ritorna all’elenco dei Parchi Bresciani


Torna inizio pagina